“IL SOGNO CINESE DELLA VIA DELLA SETA – RAPPORTO DI AMMIRAZIONE TRA CINA E ITALIA”

IL PROFESSOR YAN XIAOPENG DELL’UNIVERSITÀ DI WENZHOU VISITA LA SIIC E PRENDE PARTE AI SEMINARI
9 agosto 2017
Mostra tutto

“IL SOGNO CINESE DELLA VIA DELLA SETA – RAPPORTO DI AMMIRAZIONE TRA CINA E ITALIA”

Alle 15 del 10 agosto 2017, l’auditorium della nostra scuola era pieno di ospiti. La cerimonia era presieduta dall’insegnante Ma Lianlei, seduto sul podio c’era il console Guan Haibo del Consolato cinese di Milano, erano presenti tutti i docenti esperti dell’Ufficio per gli Affari dei Cinesi d’Oltremare, la preside Li Xuemei e non mancavano i genitori degli studenti. Prima dell’inizio ufficiale della cerimonia, l’insegnante Wang Zihao e lo studente Zhang Zhixiang in rappresentanza di colleghi e compagni hanno dato un caloroso benvenuto a tutti i presenti accorsi nonostante i molti impegni, esprimendo gratitudine al gruppo di insegnanti ed esperti per le due settimane di lezione. L’intervento seguente è stato quello della preside della SIIC Li Xuemei, la quale ha ringraziato il Consolato cinese di Milano e L’Ufficio per Affari dei Cinesi d’Oltremare per il forte sostegno, gli inseganti per il loro lavoro e gli studenti per le loro eccellenti prestazioni. Poi la Signora Pei Xue, rappresentante dell’Ufficio per gli Affari dei Cinesi d’Oltremare, ha ringraziato la SIIC per l’ospitalità e ha riassunto la situazione di base dell’insegnamento augurando che in futuro si continui a operare con spirito di positiva cooperazione. Infine, il console Guan Haibo ha ribadito gli eccellenti risultati educativi della nostra scuola, ringraziando la nostra scuola per tutta una serie di iniziative atte a promuovere la cultura cinese e anche per il duro lavoro che tutti i docenti e studenti dimostrano. Poi ha fatto i suoi auguri per lo svolgimento della cerimonia.

2017-08-27 20.01.48      2017-08-27 20.02.17

2017-08-27 20.01.58      2017-08-27 20.02.09

Alle 15.30, accompagnati da un caloroso applauso, due piccoli presentatori hanno dato il via allo spettacolo! Mentre il sipario si apriva lentamente, graziosi bambini vestiti in abito rosso, con in mano dei palloni colorati, si sono esibiti nella danza giovanile “Energia senza limiti”. Poi hanno ballato “Davanti agli occhi”, “Kungfu”, entrambe eseguite con estrema bravura e perizia. Hanno seguito i canti corali “Volano gli insetti” e “Bambino piccolino”. Sotto la guida degli insegnanti, si sono svolte splendide esibizioni di taekwondo e pittura accompagnata dal flauto hulusi, dimostrando le eccezionali conquiste della scuola estiva. “Il Paese è il mio Paese, la casa è la mia casa” è stata accompagnata dagli studenti con il linguaggio dei segni. Poi è stato il momento di una melodia vivace, “l’elefantino e anatrella”, in cui con innocenza i bimbi un attimo prima interpretavano l’elefantino e quello dopo un’anatrella. La danza “Il salto dell’elastico” aveva un ritmo allegro, a dimostrazione della vita allegra dei ragazzi al di fuori delle aule.

2017-08-27 20.01.53      2017-08-27 20.02.02

La danza popolare “Notte nello Xinjiang” trasmetteva una dolce atmosfera, la coreografia era ben progettata, per dare un senso di nostalgia al pubblico. Poi l’insegnante Yang Xukang dell’Istituto d’Arte dell’Università dello Yunnan ha interpretato la “Danza mongola”, con movimenti a volte più forti a volte più dolci, per far conoscere a tutti il coraggio e l’onestà dei mongoli, ottenendo applausi su applausi. Nello spettacolo non è potuto mancare “Coro di flauti hulusi”, a dimostrazione della perizia dei ragazzi della scuola estiva. Infine, tutti gli studenti riuniti hanno cantato in coro l’“Inno scolastico della SIIC”, tutti compiaciuti per i due mesi trascorsi. Accompagnata da calorosi applausi si è così conclusa la cerimonia “Il sogno cinese della Via della Seta – rapporto di ammirazione tra Cina e Italia”. Tutti gli ospiti, gli insegnanti e i genitori si sono congratulati coi ragazzi per la splendida prestazione.

2017-08-27 20.02.27      2017-08-27 20.02.13

2017-08-27 20.02.38      2017-08-27 20.02.31

Con dispiacere, ma anche con speranza, gli insegnanti hanno salutato i ragazzi. In due mesi, tra prediche, insegnamento e dubbi, gli insegnanti hanno imparato a voler bene ai ragazzi con cui hanno trascorso assieme così tanto tempo. Trattenendo le lacrime, hanno salutato e fatto gli auguri per un futuro luminoso a ogni singolo studente, con l’augurio che possano crescere sani e felici. Forza ragazzi! Le ali degli ideali non si spezzeranno mai, perché ci saranno sempre in voi calore e forza umana.