Il nostro modello scolastico per la prevenzione dell’epidemia da Covid-19

28 settembre 2020: alla SIIC si celebra la FESTA DEGLI INSEGNANTI.
28-09-2020
431185b0-1ba0-413a-b3eb-0971b5b2885b
Il Presidente della Provincia di Padova, Fabio Bui, alla cerimonia di inizio anno scolastico
29-09-2020
Mostra tutto

Il nostro modello scolastico per la prevenzione dell’epidemia da Covid-19

WhatsApp Image 2020-09-29 at 11.04.34

Reportage dei media italiani: il nostro modello scolastico per la prevenzione dell’epidemia da Covid-19

L’epidemia ha gettato un’ombra sul nuovo anno scolastico delle scuole italiane, ma la Scuola Internazionale Italo Cinese ha riportato un pò di sole per genitori e studenti.

Dopo una attenta preparazione condotta prima dell’inizio dell’anno scolastico , il signor Fabio Bui, presidente della provincia di Padova, durante la cerimonia d’apertura ci ha elevati a scuola modello proprio per il nostro modello di prevenzione.
Le rigorose misure hanno permesso agli studenti dei vari gradi scolastici di tornare tempestivamente a scuola.
La modalità di insegnamento simultaneo ,iniziata nella nostra scuola , inaugurerà una nuova era.

La Scuola Internazionale Italo Cinese ha adottato misure rigorose di prevenzione fin dal primo giorno di scuola: gli studenti sono entrati a scuola singolarmente ed hanno seguito le regole contenti di tornare finalmente a scuola.
Perfino gli studenti più piccoli d’età hanno verificato la temperatura corporea tramite termoscanner, aiutati dalle insegnati.
Tutto il personale ha sorvegliato le operazioni di igienizzazione delle mani e l’apposizione delle mascherine in modo corretto.
La scuola ha distribuito pacchetti di mascherine chirurgiche a beneficio degli studenti.
Tutti i genitori hanno potuto vedere da lontano l’ingresso nella scuola, aspettando all’esterno e rispettando le distanze di sicurezza. Un genitore ha espresso con gioia la sua soddisfazione, aggiungendo: “Siamo tutti a nostro agio perché siamo sicuri. Siamo contenti di far tornare i nostri figli a scuola, grazie alle misure complete di prevenzione e ai modelli di insegnamento avanzati adottati”.

Nonostante la prontezza nell’iniziare con la didattica online, siamo consci dell’importanza dei rapporti umani, che non possono essere sostituiti facilmente.
Anche il pavimento della scuola ha cambiato veste, adesso è decorato con impronte colorate per fornire agli studenti le indicazioni su come raggiungere i dipartimenti scolastici.
Nei corridoi sono affisse le linee di prevenzione da rispettare, nelle classi  è necessario indossare mascherine protettive ed ogni classe ha un distributore automatico di gel igienizzate per le mani.
Dopo la pausa pranzo si può rientrare in aula solo previo disinfezione della stessa. In aula sono affissi cartelloni colorati e poster che ricordano gli orari di misura della temperatura corporea.

L’epidemia da Covid-19 ha generato una forte paura, molti genitori si sono preoccupati al punto di decidere di rimandare il ritorno dei figli a scuola. La scuola ha comunque fornito loro un puntuale servizio didattico, infatti non sono rimasti indietro, hanno usufruito delle lezioni online, svolte in maniera simultanea con quelle frontali. Ogni classe infatti è munita di  un proiettore e una videocamera. Gli studenti a casa possono seguire la lezione online mentre si sta svolgendo, tutto ciò è reso possibile grazie all’uso di una piattaforma che permette anche di svolgere attività di apprendimento a casa. La stessa piattaforma garantisce una interazione realistica tra studenti ed insegnanti. Gli studenti possono infatti partecipare in modo attivo alla lezione, ponendo domande.

La scuola ha adottato misure di prevenzione molto rigorose: tutti devono attenersi scrupolosamente alle regole, rispettare il distanziamento sociale, rispettare le distanze tra i banchi e sottoporsi a regolari esami quotidiani. Anche il cortile esterno per  le attività all’aperto è diviso in diversi grandi blocchi, ogni classe ha un’area definita dove svolgere tali attività. Questo garantisce il mantenimento delle distanze di sicurezza interpersonali.

Tutti i gradi scolastici sono stati coinvolti nelle spiegazioni circa l’importanza della sicurezza e del mantenimento di un ottimo stato di salute, compresi gli studenti più piccoli dell’infanzia. Per loro è stato inventato un gioco alternativo: ogni studente imita un uccello in volo, aprendo le braccia al massimo della loro estensione, così facendo capisce la distanza da tenere rispetto agli altri studenti.

La scuola ha istituito un team specifico per la progettazione e la gestione delle situazioni concernenti la prevenzione. In caso di emergenza abbiamo individuato quattro responsabili e i quattro dipartimenti scolastici agiscono insieme.
Nell’atrio è stata istallata una tenda di isolamento con un lettino, un tavolo e una sedia. Qualora uno studente dovesse dimostrare sintomi simili al Covid-19, sarà isolato in questo luogo. Gli studenti saranno quindi messi in quarantena e l’insegnante preposto si munirà dei dispositivi medici di protezione completi, proprio come in ospedale.

Inoltre, come precauzione, la scuola ha anche condotto un’esercitazione di emergenza in conformità con le norme e i regolamenti di prevenzione dell’epidemia per garantire che, in caso di emergenza, tutti possano rispondere con precisione.

A causa dell’epidemia, la scuola ha sospeso il sistema di ristorazione nella mensa collettiva e ha optato per un servizio di catering consumato nelle singole aule.
All’ora di pranzo, l’insegnante preposto distribuisce i pasti confezionati singolarmente nelle varie aule. Tutto è accompagnato da suppellettili monouso ed il cibo è poi smistato secondo le regole di smaltimento dei rifiuti. Il pasto è completo e prevede: primo, secondo, contorno di verdure, frutta e acqua.

In breve, la gestione scolastica è molto completa, e i bambini si attengono attivamente al sistema e seguono seriamente le disposizioni degli insegnanti.